Ancelle Francescane del Buon Pastore

Casa di cura r.s.a. - Ente morale religioso no profit

Informazioni utili

Assistenza religiosa


"Venite a me, voi tutti che siete affaticati e stanchi ed io vi ristorerò"

dice Gesù (Mt 11, 28).

Nel tempo della malattia, quando gli anni pesano sulle spalle, questa Parola del Vangelo è fortemente sentita, vera e consolante.


Già nella denominazione della RSA “Ancelle Francescane del Buon Pastore” sono espressi i princìpi e i valori cristiani, religiosi e umani su cui si fonda tutta l’attività della struttura.


È prioritaria, pur nel pieno rispetto della libertà della persona, offrire la possibilità e favorire il vivere una forte esperienza fraterna, religiosa e cristiana.


La cura pastorale dell’anziano ospite e malato ha come obiettivo quello di indicare la via per trovare pace e serenità, inoltre, vuole essere un aiuto a comprendere che nell’ora della prova e della sofferenza, come in ogni circostanza della vita, il Signore Gesù è sempre vicino a ognuno con un amore viscerale e infinito.


E in quel tendere la mano, in quel prendersi cura del fratello/sorella, fragili per la malattia, bisognosi per l’età avanzata, che si offre un gesto di amore gratuito (carità) per Amore di nostro Signore, ma rappresenta anche un’opportunità per incontrare Cristo ed abbandonarsi totalmente a Lui.


Curare le ferite del corpo inferte dalla malattia è indispensabile, ma è altrettanto vitale e doveroso curare e nutrire la vita spirituale.


E così, passo dopo passo, si seguono le tappe significative dell’anno liturgico, dando giusto e solenne risalto alle grandi Feste e Celebrazioni religiose della tradizione cristiana e dell’Istituto “Ancelle Francescane del Buon Pastore”, come pure le più importanti preghiere devozionali.


Questi momenti oranti sono sempre di vitale ricchezza spirituale e morale per ogni credente e in particolare dai nostri anziani ospiti sono vissuti come un’occasione d’incontro e di Comunione gli uni con gli altri e con il Signore, ricolmano di luce, speranza e gioia il cuore degli ospiti, i quali si sentono totalmente trasportati in Dio.


Nella struttura è presente da molti anni la Comunità di Sant’Egidio che offre un sostegno morale ai nostri degenti. I giovani appartenenti alla Comunità si fanno vicini a tutti, soprattutto a chi non ha nessuno o a chi sembra quasi dimenticato da familiari e amici.


Il loro servizio non è di natura assistenziale medico-infermieristica. Essi collaborano molto con le suore e il cappellano sia per quanto riguarda l’organizzazione di Celebrazioni liturgiche sia per preparare e realizzare momenti ricreativi e di socializzazione tra i degenti-ospiti, con alcuni appuntamenti annuali ormai consolidati. Spesso organizzano, naturalmente con quelli a cui è possibile partecipare, uscite fuori porta.


Celebrazioni

  • Rosario e Santa Messa festiva (dalle ore 9.30)
  • Mercoledì, alle ore 16.00, Preghiera animata dalla Comunità di Sant’Egidio
  • Celebrazioni comunitarie e individuali del Sacramento dell’Unzione degli Infermi e della Riconciliazione

Le liturgie sono animate dalle suore della stessa Casa di Cura con il cappellano in collaborazione con il gruppo della Comunità di Sant’Egidio.


Tutto è sempre molto curato in ogni occasione per tenere accesa e salda nei cuori degli ospiti la fede in Cristo Signore, la speranza e la certezza che in Lui tutto si trasformi in gioia di vita eterna.


La Celebrazione eucaristica e le altre Funzioni possono essere seguite con il sistema di altoparlanti collegati con la Cappella.


Si possono chiedere intenzioni di preghiera e far celebrare messe in suffragio dei propri defunti.


Per i Sacramenti della Confessione e dell’Unzione e per i colloqui è necessario contattare direttamente il cappellano o chiedere alle caposala oppure al Centralino.